Ludoteca Ludò

Ludoteca e spazio giovani: apertura e attività

Il DPCM del 5 novembre consente lo svolgimento delle attività educative per bambini e ragazzi.

Prosegue quindi la programmazione degli appuntamenti dei due servizi per l’infanzia e l’adolescenza presenti al centro culturale Il mulino di Soliera.

Ludoteca Ludò

La ludoteca ha introdotto nuove regole di accesso al servizio per contenere la diffusione del contagio da Covid-19.

Il servizio è rivolto alle bambine e ai bambini dai 6 agli 11 anni con accessi limitati, per garantire un gruppo stabile di 14 bambini.

Ecco il programma delle prossime attività laboratoriali:

  • 10 e 11 novembre – Pancia di velluto
  • 13, 17 e 27 novembre: Primi passi con Beebot – laboratorio STEAM
  • 18 e 19 novembre – Segnalibri animaleschi
  • 24 e 24 novembre – Mandala creativi

La prenotazione è obbligatoria e si può fare:

  • online compilando questo modulo
  • telefonando al numero 059 568587

Spazio giovani Reset

Anche lo spazio giovani è aperto in sicurezza, grazie alle nuove regole per l’accesso.

Il servizio è rivolto alle ragazze e  ai bambini ragazzi dagli 11 ai 17 anni con accessi limitati, per garantire un gruppo stabile di 10 iscritti.

La prenotazione è obbligatoria e si può fare:

  • online compilando questo modulo
  • telefonando al numero 392 4546574

Ludoteca Ludò

Castello Campori

Nuovo DPCM: chiusure fino al 3 dicembre 2020

In ottemperanza al nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre, in vigore da venerdì 6 novembre, alcuni servizi gestiti dalla Fondazione Campori saranno temporaneamente chiusi al pubblico fino al 3 dicembre 2020.

Biblioteca Campori e biblioteca Campori Junior

Le biblioteche di Soliera chiudono al pubblico ma per entrambe resta attivo il servizio di prestito a domicilio.

Libri, DVD e CD si possono prenotare:

  • telefonando allo 059 568585 (lun-ven 14.30-19.00 / mar e sab 9.00-13.00)
  • compilando il modulo online

È possibile richiedere al massimo 5 titoli per tessera tra libri, DVD e CD. Per sceglierli è possibile consultare il catalogo online BiblioMO, selezionando la Biblioteca di Soliera.

Le consegne sono previste martedì̀ (12.30-14.00) e giovedì̀ (18.30-20.00) solo nel comune di Soliera.

Il prestito dura 30 giorni ed è possibile, al momento della consegna, restituire i libri, DVD, CD presi in prestito in precedenza. Non è invece possibile prenotare il solo servizio di restituzione.

Mostra “Arnaldo Pomodoro. {sur}face”

L’esposizione allestita al Castello Campori non sarà accessibile ma, per chi non avesse ancora avuto occasione di vistarla, sarà intensificata l’attività sui social media con il lancio di nuove rubriche e la pubblicazione di contenuti inediti, in collaborazione con la Fondazione Arnaldo Pomodoro:

Con una semplice registrazione si potrà anche accedere gratuitamente ad attività interattive alla scoperta dell’opera ambientale Ingresso nel Labirinto sviluppate dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro.


Biblioteca: riparte il prestito a domicilio

Da giovedì 5 novembre riparte a Soliera il servizio di prestito a domicilio dei libri della Biblioteca Campori e della Biblioteca Campori Junior.

Libri, DVD e CD si possono prenotare telefonando al numero 059 568585 negli orari di apertura della biblioteca (dal lunedì al venerdì 14.30-19.00 e martedì e sabato 9.00-13.00) oppure compilando il modulo online.

È possibile richiedere al massimo 5 titoli per tessera tra libri, DVD e CD.

Le consegne si effettuano solo nel comune di Soliera nei seguenti giorni/orari:

  • martedì tra le ore 12.30 e le ore 14.00
  • giovedì tra le ore 18.30 e le ore 20.00.

Il prestito dura 30 giorni.

Al momento della consegna è possibile restituire i libri, DVD, CD presi in prestito in precedenza. Non è possibile prenotare il solo servizio di restituzione.

Info e prenotazioni


Riaprono i servizi per bambini e adolescenti

Da martedì 27 ottobre riaprono al Mulino i servizi che il Comune di Soliera offre per l’infanzia e l’adolescenza: la biblioteca Campori Junior, la ludoteca Ludò e lo spazio giovani Reset.

Per adeguarsi al DPCM del 18 ottobre 2020 e ai vigenti protocolli per la prevenzione del contagio da COVID-19, nei servizi sono state introdotte alcune regole e nuove modalità di accesso.

Biblioteca Campori Junior

La biblioteca riapre esclusivamente per il prestito e possono accedere massimo due nuclei familiari per volta.

Orari: da martedì a venerdì dalle 16.00 alle 19.00, sabato dalle 10.00 alle 12.00.

Il servizio è organizzato nel rispetto del protocollo regionale recante le indicazioni operative per la ripresa del prestito bibliotecario. 

Ludoteca Ludò

La ludoteca è accessibile solo su prenotazione, per garantire la frequenza in una “bolla” mensile composta da 14 bambini, in due turni di frequenza:

  • Turno 1: Martedì e giovedì dalle 16 alle 19 e sabato dalle 10 alle 12;
  • Turno 2: Mercoledì e venerdì dalle 16 alle 19;

E’ possibile frequentare un solo turno.

Nel rispetto delle vigenti normative potranno accedere al servizio le bambine e i bambini dai 6 fino agli 11 anni, dotati di mascherina.

Il servizio è organizzato nel rispetto del protocollo di cui all’Allegato A del DPCM del 18 ottobre 2020.
La permanenza in ludoteca è consentita esclusivamente ai bambini, che devono essere accompagnati e ritirati da un adulto.
L’iscrizione, che prevede la sottoscrizione del patto di corresponsabilità, si può effettuare on-line o presso la ludoteca in presenza di un genitore.

Spazio giovani Reset

Lo spazio giovani è accessibile solo su prenotazione, per garantire la frequenza in una “bolla” mensile di 10 iscritti.

Una volta iscritti, si chiede a ragazze e ragazzi di confermare mensilmente, nei modi e nei tempi indicati dagli operatori, l’intenzione a frequentare nel mese successivo.

Possono accedere al servizio i giovani dagli 11 fino ai 17 anni muniti di mascherina.

Il servizio è organizzato nel rispetto del protocollo di cui all’Allegato A del DPCM del 18 ottobre 2020.

L’iscrizione, che prevede la sottoscrizione del patto di corresponsabilità, si può effettuare on-line o presso lo spazio giovani in presenza di un genitore.


Biblioteca Campori: dal 1° ottobre si può tornare a studiare, consultare libri e usare i PC

Da giovedì 1° ottobre 2020 si può di nuovo accedere alla biblioteca Campori per studiare, consultare i volumi e scegliere il proprio libro dagli scaffali. Non saranno disponibili i quotidiani e le riviste in abbonamento.

Queste le istruzioni per accedere al servizio e le regole da rispettare.

Studio, consultazione volumi e utilizzo PC

Per venire in biblioteca a studiare, consultare libri o utilizzare le postazioni con i computer è necessario prenotare in anticipo.

Le prenotazioni aprono martedì 29 settembre e riguardano tre sale: la “Sala saggistica”, la “Sala narrativa” e lo “Spazio Pc”.

La prenotazione si può fare:

  • Per telefono, chiamando il numero 059 568585
  • Online sul sito Bibliomo (bisogna accedere allo spazio personale ed entrare nell’area “appuntamenti).

Si può prenotare al massimo con due giorni di anticipo e fino al giorno stesso, salvo disponibilità dei posti. La prenotazione è valida per l’intera fascia oraria di apertura: dal lunedì al venerdì 14.30-19.00, martedì e sabato 9.00-13.00.

Prestito e riconsegna libri e DVD

L’accesso alla biblioteca per le operazioni di prestito e di riconsegna di libri e DVD è possibile per tutto l’orario di apertura, senza necessità di prenotare.

Accesso agli scaffali

Dal 1° ottobre è di nuovo consentito scegliere personalmente i libri da prendere in prestito o da consultare ma si può accedere alle sale solo una persona alla volta e ci si può sostare per un massimo di 10 minuti.

Chi vuole può comunque continuare a prenotare i libri e altro materiale in anticipo e venire a ritirarli in biblioteca.

Norme di prevenzione

Nei locali della biblioteca restano invariate tutte le altre regole per la prevenzione dell’infezione da Covid-19: pulizia delle mani, uso della mascherina e distanziamento interpersonale.

Chi si ferma in biblioteca per studiare dovrà indossare la mascherina per tutta la permanenza in biblioteca e dovrà rimanere nella postazione assegnata. Non è consentito spostare le sedie.


A Soliera una mostra su Arnaldo Pomodoro

A ottobre l’arte contemporanea torna al Castello Campori di Soliera con la mostra di uno dei più grandi scultori viventi, le cui opere sono presenti in spazi aperti e collezioni pubbliche di tutto il mondo: Arnaldo Pomodoro.

Una delle sue sculture monumentali, l’Obelisco per Cleopatra, resterà in piazza Lusvardi    anche dopo la mostra, per i prossimi tre anni.

L’esposizione racconterà, dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021, la personalità di un artista visionario che ha segnato profondamente la seconda metà del Novecento italiano. Promossa dal Comune di Soliera e dalla Fondazione Campori, con il contributo della Regione Emilia Romagna nell’ambito del bando straordinario per la rivitalizzazione dei centri storici e con il supporto di Le Gallerie Shopping Center (main sponsor) e Granarolo, la mostra è curata da Lorenzo Respi, membro del Comitato Scientifico della Fondazione Arnaldo Pomodoro, è prodotta da All Around Art in collaborazione con la Fondazione.

Il titolo della mostra – Arnaldo Pomodoro. {sur}face – nasce da un gioco di parole fra il termine “superficie” (surface) e il termine “volto” (face), che ne evidenzia il doppio livello di lettura. La finalità del progetto è infatti quella di raccontare un aspetto inedito dell’arte di Arnaldo Pomodoro, l’uomo prima dell’opera, attraverso un percorso che affonda le proprie radici nelle esperienze teatrali iniziate sin dagli anni Cinquanta, luogo di ricerca e di grande libertà creativa, passando per l’Obelisco e le sculture degli anni Duemila, sino al bozzetto in bronzo dell’opera ambientale Ingresso nel labirinto (1995-2011) che, come scrive l’artista, è «una riflessione su tutto il mio lavoro: il gesto di riappropriazione e di recupero di un’attività artistica che ha attraversato i decenni della mia vita e ne costituisce una sorta di sintesi».

Il percorso della mostra si articola in due parti, per un totale di sette sale espositive. La prima parte è dedicata alla messinscena per La passione di Cleopatra di Ahmad Shawqi sui ruderi di Gibellina (1989) e presenta i costumi di scena originali, i disegni preparatori e i bozzetti scenografici, oltre alle fotografie e ai video dello spettacolo. La seconda parte della mostra racconta la genesi di Ingresso nel labirinto, un’opera ambientale di circa 170 mq iniziata nel 1995 e costruita quasi interamente in fiberglass patinato con foglia di rame nei sotterranei dell’edificio ex Riva-Calzoni di Milano (già sede della Fondazione Arnaldo Pomodoro), attraverso i rilievi Untitled (fiberglass, 2005) e Continuum (bronzo, 2010) ed Ingresso nel labirinto, studio (bronzo, 2011-2020), realizzato appositamente per questa mostra ed esposto per la prima volta al pubblico al Castello Campori di Soliera.

Nell’ultima sala i visitatori potranno fare esperienza di Labyr-Into, una delle prime applicazioni immersive in Italia nell’ambito dell’arte contemporanea e la prima in assoluto dedicata ad un’opera di Arnaldo Pomodoro, basata sulla tecnologia Gear’VR’ e ‘Oculus’RifT. Il progetto, realizzato da Oliver Pavicevic e Steve Piccolo, costituisce una libera interpretazione di Ingresso nel labirinto, nella sua versione 3D, un’opera nell’opera, oltre che dentro l’opera.

L’Obelisco per Cleopatra, concesso in comodato d’uso gratuito al Comune di Soliera per tre anni, è un’opera di quattordici metri, progettata nel 1989 in riferimento alla messinscena della Cleopatra e realizzata nel 2008 in acciaio corten e bronzo. Le quattro facce verticali presentano una serie di segni emblematici e simbolici che rimandano ai geroglifici egizi e al segno informale. La diversità cromatica tra il fusto in corten arrugginito e gli inserti in bronzo patinato conferiscono solennità all’opera che connota profondamente lo spazio pubblico in cui è installata.

Il progetto prevede, infine, l’allestimento di una sala interamente dedicata ai più piccoli, pensata ad “altezza di bambino” e dotata di supporti didattici audio e video, e visite guidate e laboratori didattici curati dal Dipartimento Educativo della Fondazione Arnaldo Pomodoro di Milano e realizzati in collaborazione con la Ludoteca “Il Mulino” di Soliera. Nel corso della mostra saranno quindi organizzate visite guidate per gruppi di adulti, visite guidate per le famiglie (con piccoli laboratori) e visite guidate interattive rivolte alle scuole di ogni ordine e grado. Previa registrazione online, sarà inoltre possibile accedere ad attività interattive alla scoperta dell’opera ambientale Ingresso nel Labirinto, sviluppate all’interno del sito web della Fondazione Arnaldo Pomodoro e rivolte a tutti.

La mostra sarà visitabile il sabato, la domenica e nei giorni festivi con orario 9.00-13.00 e 15.00-19.30. Ingresso gratuito.

Nel rispetto della normativa vigente, saranno contingentati gli accessi; è pertanto consigliata la prenotazione.

Prenotazioni


Il profumo del mosto cotto: partecipazione espositori

Sono aperte le iscrizioni per la partecipazione degli operatori commerciali alla sezione espositiva della festa “Il profumo del mosto cotto”, che quest’anno si terrà domenica 18 ottobre, sempre nel centro storico di Soliera.

La partecipazione è gratuita. Sono invitati produttori e rivenditori di tipicità eno-gastronomiche del territorio emiliano-romagnaolo e non solo.

Per iscriversi è sufficiente compilare il modulo e inviarlo via e-mail all’indirizzo info@fondazionecampori.it entro il 30 settembre 2020.


Estate a Soliera: 4 appuntamenti a settembre tra musica, teatro e letteratura

L’estate sta finendo ma prima di dare il benvenuto all’autunno, Soliera vi aspetta con quattro serate di musica, teatro e letteratura nella suggestiva cornice di piazza Lusvardi, con lo sfondo del Castello Campori. Due incontri con autori italiani, nell’ambito della Festa estiva del racconto, e due spettacoli della rassegna Artinscena, tutti alle ore 21, con ingresso gratuito e prenotazione obbligatoria, nel rispetto dei protocolli di sicurezza anti Covid-19.

Si parte mercoledì 9 settembre con Romana Petri che presenterà il suo ultimo romanzo “Figlio del lupo”, dedicato alla figura di Jack London. La scrittrice romana ha raccolto una delle sfide più fascinose che un’autrice poteva intravvedere: quella di raccontare la furia di vivere di un uomo che ha fatto il pugile, il cacciatore di foche, l’agente di assicurazioni, il cercatore d’oro, che ha amato l’ombra azzurra delle foreste e la smagliante solarità dei mari, che ha guardato, ceruleo d’occhi e di pensieri, l’anima dei popoli in lotta e il cuore delle donne. Romana Petri non ha solo scritto la biografia di Jack London: “Figlio del lupo” è un romanzo che srotola il filo di una storia vera, quella di un uomo sospeso fra il rovello ispirato del grande narratore e la voce dispiegata del socialista che vuol parlare, da rivoluzionario, a milioni di lavoratori ma non rinuncia a farsi allacciare le scarpe perché non ha tempo da perdere, sospeso fra il gioco dell’amore promesso, vissuto, tradito sempre ad alte temperature e il tormento di un fallimento incombente, malgrado il clangore del mondo e il fuoco alto della fama.

Nella stessa settimana, giovedì 10 settembre spazio al divertimento insieme al duo Nando e Maila, e il loro “Sonata per tubi”. Un concerto per tubi e non solo. Musica inconsueta o circo inedito? I musicisti suonano noti brani del repertorio classico, con dei semplici tubi di plastica. Il circo alimenta la follia dei personaggi in contrappunto con Hula hoop sonanti, clave che diventano sax e diaboli sonori. “Sonata per tubi” ricerca le possibilità̀ musicali di alcuni attrezzi di circo, che attraverso delle modifiche e l’uso della tecnologia, diventano degli strumenti musicali a tutti gli effetti. “Ogni cosa che tocchiamo o facciamo emette suono: sia gli attrezzi di circo, che il palco, che noi stessi.” Il clown musicale fonde l’azione circense con la musica dal vivo, attraverso un linguaggio universale e accessibile a un pubblico di tutte le età.

La settimana successiva ci si rivede mercoledì 16 settembre con il concerto “Le dive del cinema italiano” dell’ensemble formato da Paola Fabris (voce), Matteo Salerno (flauto), Stefano Martini (violino), Egidio Collini (chitarra), Piero Ravaioli (contrabbasso) e Antonio Bianchi (batteria). Uno spettacolo di musica, parole e immagini che rende omaggio alle grandi attrici italiane attraverso le colonne sonore dei film di cui sono state protagoniste. Brani indimenticabili, composti da maestri come Ennio Morricone, Nino Rota, Nicola Piovani e Armando Trovajoli.

Infine giovedì 17 settembre lo scrittore e autore teatrale Alessandro Perissinotto porta sul palco l’inquietante figura del reverendo Jim Jones, l’uomo che, nel 1978, in un crescente delirio, condusse la sua congregazione al più grande suicidio di massa che la storia ricordi: 909 morti e una manciata di scampati fra cui Elisabeth Doran, eroina del romanzo “La congregazione” da cui è tratto in questo spettacolo di narrazione.


Il profumo del mosto cotto: iscrizioni al mercatino

Sono aperte le iscrizioni per il mercatino dell’Art-Ingegno della festa “Il profumo del mosto cotto”, che quest’anno si terrà domenica 18 ottobre, sempre nel centro storico di Soliera.

Il mercatino è rivolto esclusivamente a chi la vende le proprie opere d’arte e/o ingegno a carattere creativo. La partecipazione è gratuita.

Per iscriversi è sufficiente compilare il modulo e inviarlo via e-mail all’indirizzo info@fondazionecampori.it entro il 30 settembre 2020.


Biblioteca Campori: le ultime notizie

Anche in biblioteca Campori è arrivata l’estate.

Il servizio chiuderà per ferie dal 10 al 24 agosto compresi. Per il resto del mese, fino al 31 agosto, gli orari sono i seguenti:

  • da martedì a sabato ore 9.00-13.00, martedì ore 14.30-19.00

Il servizio di prestito a domicilio è terminato. Per prendere in prestito libri, DVD e altri materiali bisogna prenotare:

  • attraverso il catalogo BiblioMO
  • telefonando al numero 059 568585 durante gli orari di apertura.

Si può accedere alla biblioteca solo all’orario prenotato. Si deve entrare uno alla volta, indossando la mascherina e dopo essersi igienizzati le mani all’ingresso.

Fino a nuova comunicazione, non sarà possibile accedere alle sale e fermarsi in biblioteca per la consultazione.

Dal 1° settembre inizia l’orario invernale:

  • da lunedì a venerdì ore 14.30-19.00, martedì e sabato ore 9.00-13.00.